Home Casa • Come Utilizzare la Tecnica della Penna nel Disegno

Come Utilizzare la Tecnica della Penna nel Disegno

 - 

La tecnica della penna nell’arte, soprattutto nel disegno artistico, è molto bella però è tanto bella quanto difficile perchè bisogna avere una grande sicurezza in quanto non è possibile correggere gli errori, ma anche perchè i tratti saranno ben visibili e quindi non sfumabili.

Per prima cosa accertatevi che la penna non perda troppo inchiostro, perchè poi se questo succede nel disegno è irreparabile, e le macchie così sono orribili! Magari se vi succede cercate con un fazzolettino di togliere più inchiostro possibile, e cercate di non allungare la macchia su tutto il disegno.

Come decorare un oggetto con la tecnica dello sbalzo
Quindì per sicurezza pulite più volte la punta della penna (vanno bene anche quelle di minor qualità) e poi iniziate a fare dei tratti all’inizio paralleli tra di loro poi cambate verso, seguendo il vostro istinto. Però dovete fare questi tratti leggerissimi, devono quasi sembrare lapis perchè solo dopo si può scurire.

Io preferisco la tecnica come in questo disegno che ho fatto io, in cui i tratteggi sono paralleli tra di loro solo in alcuni punti e poi la direzione di essi si adatta alla forma del soggetto da rappresentare, esiste anche un’altra tecnica in cui i tratteggi sono tutti paralleli tra di loro in tutto il disegno.

Ma io la sconsiglio (è solo il mio parere però) perchè risulta un’immagine fredda e geometrica e manca di naturalezza, mentre invece come vedete dall’ingrandimento del mio disegno, un piccolo disordine di linee dà al disegno una grande espressività e dà anche un leggero movimento all’ interno dell’opera.

Con questa tecnica è possibile fondere un alto grado di realismo con grande espressività, ma come detto all’inizio della guida bisogna essere abbastanza allenati per saperla usare bene, altrimenti il disastro è proprio certo.

In Casa

Author:Spiaggia 101

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked*

*

*