Cibi con Potassio – Quali Sono

 - 

La dose ideale di potassio è di 4700 mg al giorno, ma l’ebollizione dei cibi esaurisce le scorte di potassio per cui è meglio consumare frutta e verdura crude, arrosto o al vapore.

Ma vediamo quali sono gli alimenti più ricchi di potassio.

La zucca, una tazza fornisce 896 mg di potassio

Una patata media cotta al forno con la buccia contiene 694 mg di potassio, il 15% della dose giornaliera raccomandata, oltre a betacarotene e vitamina A.

Il succo d’arancia è un’ottima fonte di potassio oltre che di vitamina C.

Le bietole contengono in sola mezza tazza 655 mg di potassio e ottimi quantitativi di vitamina A, K e betacarotene.

Anche la salsa di pomodoro contiene un buon quantitativo di potassio insieme a vitamina E e licopene.

Seguono le albicocche, le banane, il petto di pollo, l’uvetta, i pistacchi e il salmone.

In Casa

Cibi con Proteine – Quali Sono

 - 

Proteine, carboidrati e grassi sono i tre macronutrienti essenziali per la salute del nostro organismo, per la crescita e per le corrette funzioni del corpo umano. Le proteine in quanto costituite da aminoacidi, aiutano ad aumentare la massa magra e a dimagrire se inserite in modo corretto in una dieta ipocalorica.

Un eccesso di proteine, tuttavia, non è consigliabile in quanto si rischiano problemi a carico dei reni che sono costretti ad un superlavoro per eliminare le scorie. Una parte degli aminoacidi essenziali per il corpo mano deve provenire da proteine animali e vegetali.

Una carenza di proteine determina debolezza muscolare e altera le funzioni dell’organismo.

Il fabbisogno giornaliero di un adulto prevede il consumo di 0,75 gr di proteine per ogni chilo di peso.

Ma ecco la top list degli alimenti con il più alto contenuto di proteine.

Carne di manzo e vitello, 36 gr di proteine

Frutta secca, 33 gr

Formaggi freschi, ricotta e mozzarella ad esempio, 32 gr per una porzione da 100.

Pollo e tacchino, 100 gr contengono circa 30 gr di proteine.

Pesce come tonno e halibut, 26 gr di proteine pe 100 gr di alimento

Lonza di maiale, 25 gr di proteine

Tofu, 7 gr di proteine

Fagioli di soia, 17 gr di proteine

Uova, 13 gr di proteine

Yogurth e latte di soia, 6 gr

In Casa

Come Utilizzare la Crusca

 - 

La crusca è nota soprattutto per essere il mangime dei polli, pero’, non tutti sanno che oltre che come nutrimento per animali, la crusca è anche molto utile in altre situazioni. Con questa guida ti indico alcuni utilizzi che possono essere utili in casa.

Se hai della crusca in casa e non sai come utilizzarla, segui questi consigli e la scoprirai come un elemento fondamentale da avere in casa: Prendi un po’ di crusca e scaldala in un pentolino, una volta fatto questo passala sopra a carte da gioco, guanti o spazzole per capelli sporchi di unto, vedrai come immediatamente lo assorbira’.

Se invece vuoi pulire i tuoi capelli senza dover ricorrere allo shampoo, fai in questo modo: cospargi i tuoi capelli con della crusca asciutta e friziona leggermente. Fai passare trenta minuti circa e poi spazzola con energia i capelli utilizzando una spazzola dura e che avrai leggermente inumidito con un po’ di acqua.

Sai anche una pelle delicata, ecco come fare per avere un’ottima lozione emolliente usando la crusca: prendi due etti di crusca e mettila in un pentolino con un litro di acqua. Porta a bollore. Una volta che la crema è pronta, distendila sul viso e lascia riposare per 10 min. poi risciacqua. Questa lozione è ottima anche per lavare polsini, fasce elastiche, calze e fazzoletti di seta.

In Casa

Come Utilizzare l’Alcool per Pulire

 - 

L’alcool può essere un grande alleato delle casalinghe, per avere degli ottimi risultati in ogni tipo di pulizia. Aggiungere un po’ di alcool diluito in abbondante acqua per pulire i pavimenti, i vetri o il bagno è una buona abitudine. Tuttavia, gli usi domestici dell’alcool sono anche molti altri.

Se nella vostra casa persistono insistentemente cattivi odori, causati da residui di cucinato, oppure dall’umidità, o perché avete imbiancato le pareti, potete prendere un bicchiere di vetro, posizionarlo in un angolo sicuro della casa e riempirlo di alcool denaturato.

Lasciate il bicchiere con l’alcool a agire. Esso evaporerà molto lentamente, eliminando e catturando gli odori. Dopo circa una settimana o dieci giorni, potrete notare che l’alcool sarà evaporato completamente, lasciando nel bicchiere di vetro solo qualche residuo ed un odore molto forte. Se è necessario ripetere l’operazione, pulite il bicchiere e riempitelo nuovamente di alcool.

Se, invece, dovete pulire la cappa della cucina dai grassi, allora fate così: prendete un paio di collant e bagnateli nell’alcool denaturato. Strofinate quindi la cappa, sopra e sotto, con le collant e vedrete come le tracce di unto spariranno senza fatica. La vostra cappa tornerà a splendere e voi avrete scoperto un nuovo alleato nelle pulizie di casa.

In Casa

Coltivazione Idroponica – Come Fare

 - 

Si possono rilevare moltissimi vantaggi nell’idroponica, in quanto non è necessario curare costantemente l’innaffiatura e si ha uno splendido risultato con fiori bellissimi e colorati di vario genere. Risulta essere un hobby che può fare chiunque dalla semplice casalinga ai migliori professionisti in materia di botanica.

Le piante coltivate in casa o in serra appartengono a specie fiorifere di primavera, ma grazie a questa speciale tecnica di forzatura, fioriscono da fine dicembre a tutto febbraio. Riempire un contenitore trasparente di acqua purissima. Per evitare che le radici marciscano o l’acqua diventi putrida, si pone sul fondo qualche pezzetto di carbone di legna.

Il bulbo verrà sistemato nella coppetta o vaso e si dovrà verificare che esso non andrà mai a toccare direttamente l’acqua sottostante, lasciando uno strato di aria di qualche millimetro tra il livello dell’acqua e la base del bulbo appunto. Basterà quindi l’umidità emanata dall’acqua per stimolare la nascita delle radici; il bulbo marcisce invece se rimane immerso in acqua per qualche tempo.

Si poterà il contenitore in un luogo fresco ed arieggiato, non riscaldato, ma riparato dal gelo, come può essere una cantina, un sottoscala oppure uno scaffale in luogo sempre fresco. In questo periodo il bilbo deve stare completamente al buio. Si dovrà anche controllare almeno un paio di volte alla settimana, che l’acqua sia sempre a stesso livello. Si avrà un rapido rigonfiamento del bulbo, la nascita delle radici e la gemma floreale si svilupperà prima della comparsa delle foglie. Dopo una decina di giorni si porta la pianta in casa ad una temperatura di 15 o 18 gradi circa.