Come Affrontare una Discussione

 - 

Tutti sanno che litigare non è molto elegante, ma a volte è semplicemente inevitabile. Ci sono molte cose da sapere su come farlo. Per essere certi di aver ragione e dimostrarlo bisogna seguire determinate mosse, che ti permetteranno anche di incrementare la fiducia in te stesso.

C’è una tecnica anche per litigare in modo efficace: guardare negli occhi l’avversario, evitare vuote minacce, mantenere un tono di voce basso e avere un corretto linguaggio del corpo (e non) sono elementi essenziali. Rimanere nella stanza è importante, perchè uscire sbattendo la porta non ti servirà a nulla, così come urlare o scalpitare.

Se vuoi ottenere degli ottimi risultati (che il tuo ragazzo ti chieda scusa con un grosso mazzo di fiori, il tuo collega ti offra un caffè, che il tuo capo ti conceda un inaspettato giorno di riposa) esponi con calma e diplomazia il tuo punto di vista. Chiedi all’interlocutore se pesa che il tuo ragionamento sia valdo e permettigli di salvare la faccia convenendo con lui sugli aspetti minori della questione.

Rimani sempre fermo nelle tue posizioni, ripetendo in maniera decisa ma pacata il tuo pensiero. Ascolta con attenzione e resisti alla tentazione di interrompere, sogghignare, prendere in giro, ridere o far trasparire la tua collera Per mantenere la calma respira profondamente e con regolarità, concentrandoti sugli aspetti positivi e le soluzioni.

Fai in modo di avere sempre l’ultima parola. Lascia che sia l’altro a urlare e sbraitare. Quando resterà di sasso di fronte al tuo contegno e alla tua compostezza, “inferisci” su di lui, facendo forza però su ragioni logiche e razionali, spiegando le cause della discussione, come ci si è arrivati, per colpa di chi, e come si può risolvere.

Se proprio ti accorgi di avere torto arrenditi con eleganza. Ammetti di non avere ragione e, anche se in quel momento ti brucierà, alla lunga questo gesto di umiltà ti sarà utile. Se ogni tanto ammetterai gli errori, il tuo avversario ti considererà una persona ragionevole con cui è possibile instaurare un diaogo (specie se si tratta di una persona con cui a spesso a che fare).

Porta avanti le battaglie, ma sappi che ci sono cose per cui non vale la pena lottare. In tal caso ritirati quando sei ancora in vantaggio e prima che il rapporto sia compromesso. A volte una discussione e solo un gran perdita di tempo.

In Casa

Come Applicare il Mascara

 - 

Sono tante le tipologie di mascara presenti sul mercato e di volta in volta l’industria cosmetologica ne lancia di svariati con caratteristiche diverse a seconda delle esigenze; ce ne sono di incurvanti, volumizzanti, infoltenti, ultra black, piuttosto che colorati o glitterati.

Il mascara viene scelto in base alle caratteristiche delle proprie ciglia e del risultato che si intende ottenere: se ad esempio le ciglia si presentano particolarmente rade il mascara può contribuire a rinfoltirle mentre se sono già abbastanza folte il mascara non fa altro che accentuarne il volume.

In genere nella top ten dei mascara più richiesti ci sono proprio quelli allunganti e volumizzanti che hanno la caratteristica di incurvare e fissare le ciglia in modo da rendere lo sguardo più penetrante. Sul mercato oggi ci sono prodotti di questo tipo molto validi che riescono addirittura a fare le veci delle ciglia finte. Se viene scelto il mascara giusto le ciglia miglioreranno sul serio mostrandosi davvero più folte e allungate senza l’esigenza di pettinarle assiduamente prima di un’applicazione dietro l’altra.

Secondo alcune ricerche, pare che il mascara riesca ad allungare le ciglia di circa il 40% in più del loro normale stato. Molto importante è anche la modalità di applicazione: il mascara volumizzante viene applicato con movimenti a zig zag mentre quello allungante è da applicare cercando di seguire tutta la lunghezza delle ciglia dalla radice alle punte come per pettinarle. Per aver un risultato impeccabile meglio optare per 2 o 3 passate: le ciglia risulteranno molto lunghe e rinfoltite.

In Casa

Come Cambiare gli Ammortizzatori di una Lavatrice

 - 

All’interno della nostra lavatrice,sono presenti molti dispositivi che aumentano il comfort e la silenziosità.

Tra questi vi figurano gli ammortizzatori del cestello.

Se la vostra lavatrice è molto rumorosa o si muove durante la centrifuga,potrebbe essere arrivato il momento di cambiare gli ammortizzatori scarichi,con dei nuovi componenti carichi.

Gli ammortizzatori sono dei componenti soggetti a usura,che necessitano di essere cambiati alla fine della loro vita utile,soprattutto se laviamo nella nostra lavatrice piccole quantità di bucato oppure le scarpe.

Qui sotto trovate la procedura per effettuare la sostituzione.

MATERIALE NECESSARIO : Chiave per dadi della giusta misura,set di giraviti,torcia,ammortizzatori nuovi (dello stesso modello di quelli scarichi).

TEMPO NECESSARIO : 2 ORE

la diagnostica,in questo caso non ci viene molto in aiuto,ma raccomandiamo prima di procedere alla sostituzione dei componenti,di verificare la buona regolazione dei piedini. Sintomi di un malfunzionamento degli ammortizzatori,possono essere un eccessivo rumore e delle eccessive vibrazioni durante la centrifuga.
Per prima cosa,apriamo il mobile della lavatrice nella parte posteriore,dato che gli ammortizzatori si trovano nella parte bassa della lavatrice,come illustrato nella figura seguente.(ripresa da plcforum.it)ammortiz
Rimuovete un ammortizzatore per volta,svitando i dadi o rimuovendo dagli incastri del componente
Inserite il ricambio nelle apposite sedi,incastrando o avvitando i dadi. (se presenti)
Dopo aver verificato,(scuotendo un po’ il cestello) che il componente ammortizzi a dovere,procediamo con il montaggio del secondo componente.
Rimontiamo la parte posteriore del mobile della lavatrice
Proviamo a effettuare una centrifuga;Se la rumorosità o le vibrazioni non sono più presenti,Complimenti, avete risolto il problema.

Se il rumore è ancora presente, è possibile seguire questa guida su come sostituire i cuscinetti su Riparare.net visto che si tratta di un’altra causa che può provocare la rumorosità della lavatrice.

In Casa

Come non Sprecare i Trucchi

 - 

Per far durare più a lungo i nostri prodotti di bellezza e per evitare di incorrere in piccoli problemi quando si usa un mascara o un ombretto senza adottare le modalità giuste, ecco qualche piccolo consiglio per sfruttare al meglio i prodotti di make up. La prima regola da rispettare è non lasciare i prodotti di make up in bagno: c’è umidità e quindi prodotti quali fard, ciprie e ombretti, potrebbero rovinarsi, per cui sarebbe meglio spostarli in un’altra zona della casa.

Tutti i prodotti che presentano una posizione originariamente verticale devono preservare tale posizione anche quando vengono riposti. Questa regola è valida per prodotti quali mascara, smalti, fondotinta o eyeliner che stando a lungo in una posizione diversa da qualla che regolarmente dovrebbero avere, tendono a non avere più la resa di una volta e a durare di meno rispetto alla data di scadenza consigliata. Se proprio non potete riporli nella loro posizione originaria, preoccupatevi almeno di agitarli periodicamente.

Per quanto riguarda i prodotti destinati alla cura e alla bellezza delle unghie, è buona norma riporli in scaffali o comparti posizionati nelle zone più basse della casa, per evitare che durante la stagione estiva le temperature troppo alte provochino l’evaporazione delle sostanze acriliche contenute al loro interno. Il mascara che avete acquistato solo qualche settimana fa si è già seccato? Ebbene non agitare troppo lo scovolino al suo interno durante l’utilizzo altrimenti sarà incamerata aria e il prodotto tende ad essiccarsi con maggiore rapidità.

Ogni settimana o dieci giorni, bisogna pulire accuratamente i pennelli, utilizzando prodotti specifici o semplicemente dello shampoo delicato aggiungendo qualche goccia di balsamo per ammorbidirli. Quando devono essere asciugati sarebbe meglio posizionarli in posizione orizzonatale in modo da consentire ai residui di sporco, se ancora ce ne sono, di poter fuoriuscire senza depositarsi sulle setole incendivando la loro durezza.

Se dobbiamo truccarci con dei pigmenti è consigliato applicare un pò di cipria sotto la palpebra inferiore così se qualche residuo di pigmento cadrà sulle guance, potrà essere rimosso con un semplice pennello da fard, senza andare ad intaccare la base trucco precedentemente creata con i nostri primer e fondotinta. Quando applichiamo l’ombretto o il blush è sempre meglio agitare prima il pennello in modo da evitare di applicarne una dose eccessiva.

In Casa

Detersione Viso – Come Fare

 - 

Il segreto per una pelle bella è una corretta e puntuale detersione, necessaria per rimuovere a fine giornata i resti del make up: cipria, fondotinta, blush e mascara. Anche le tracce di smog e polvere devono essere accuratamente eliminate, perchè rendono la pelle opaca e “grigia”. Improrogabile quindi l’appuntamento con la detersione. Acqua e sapone non sono sufficienti, servono specialità che, mentre rimuovono le impurità, aiutano a riaprire i pori consentendo una corretta ossigenazione dei tessuti. La pelle va pulita tenendo conto anche della tipologia. Se è normale o mista meglio un detergente che elimini impurità e tracce di trucco arricchito con principi attivi idratanti, vitamine ed estratti naturali. Se secca e sensibile va bene un prodotto che deterga la pelle e aiuti a prevenire la disidratazione arricchito con principi attivi lenitivi.

Per la detersione quotidiana il prodotto più classico è il latte, una texture cremosa da passare delicatamente sul viso con un dischetto di cotone a cui far seguire il tonico. Chi preferisce una detersione rapida e completa può scegliere un prodotto due in uno che racchiude in un solo gesto le azioni di latte e tonico. Chi invece non vuole rinunciare a senire sul viso la freschezza dell’acqua può ricorrere a un prodotto in gel da massaggiare con movimenti circolari e da risciaquare con acqua tiepida.

In Casa