Come Affrontare Cambio di Stagione

 - 

L’arrivo della bella stagione può trasformarsi in un momento di grande fatica, soprattutto sul lavoro. Ci si sente stanchi, psicologicamente e fisicamente, si ha difficoltà di concentrazione e aumenta l’irritabilità. I motivi principali di questi disturbi primaverili affondano le radici nel lungo inverso appena concluso: stanchezza accumulata, continui cambiamenti di temperatura ecc.

Per rendere bene sul lavoro, c’è un equilibrio minerale che va rispettato. Il consiglio è di seguire una dieta equilibrata: 50% – 60% delle calorie dai carboidrati, non più del 30% dai grassi, la restante quota dalle proteine. Naturalmente, via libera a frutta e verdure, alimenti ricchi di acqua, vitamine e sali minerali.

Cerca di alternare agli impegni dei momenti di pausa: gli esperti arrivano addirittura a consigliare mezz’ora di sosta ogni due ore di lavoro. Purtroppo tale libertà non è sempre concessa, fai comunque delle piccole soste, approfittando magari del pranzo per stare un pò all’aperto. Poi scegli un momento della giornata tutto per te, da dedicare alla cura della persona o ad una passione per ritrovare un buon equilibrio psicofisico.

L’esercizio fisico aiuta l’ossigenazione dei tessuti e mette di buon umore, ricaricando le batterie per affrontare con più energia la giornata di lavoro. Gli esperti consigliano ogni giorno 20 -30 minuti di attività fisica leggera: basta anche una semplice passeggiata in un parco o un pò di stretching per liberare la mente e scaricare la tensione.

In Altro

Come Montare il Vetro sul Telaio della Tettoia

 - 

I modi per poter abbellire casa, o gli spazi che la compongono sono tanti, tra questi vi è la tettoia in vetro, poiché consente alla luce naturale di entrare nel posto e da un’eleganza particolare nel luogo in cui essa è realizzata. Con questa guida potrai imparare ad applicare il vetro sul telaio di una tettoia.

Occorrente
Matita e squadra
Listelli
listello di 50×25 mm
Bandelle di rame o di alluminio
Chiodi zincati e martello
Mastice al silicone
Panno
Lastre di vetro

La prima operazione che dovrai eseguire, affinché tu possa mettere il vetro come tetto è quello di costruire il telaio apposito, sempre se già questo non è pronto. A questo punto, dovrai suddividere la superficie della tettoia in modo che tu possa impiegare lastre di vetro di uguale dimensione. Ora puoi anche utilizzare una delle tante griglie metalliche in commercio o farne una tu stesso impiegando normali listelli con bordi sagomati, sui quali cioè, al posto degli spigoli superiori, vi sono due scanalature in cui appoggerai i vetri.

Quindi, ora passa a riportare sui travetti la profondità del gradino presente sui listelli, per realizzare su di essi un appoggio del vetro, applicando un listello adatto. Quindi fissa allo scopo un listello di cinquanta per venticinque millimetri lungo la linea marcata sui travetti. Può essere necessario che tu lo debba scanalare dove incontra i bulloni di fissaggio al muro.

A questo punto, usando dei chiodi zincati, fissa delle bandelle di rame o di alluminio al travetto di fronte per impedire che i vetri possano scivolare. Quando avrai completato questa operazione, applica uno strato di mastice al silicone sui gradini di legno e, dopo averlo fatto, passa a montare le lastre di vetro togliendo l’eventuale eccesso di mastice con un panno. Infine ripiega le bandelle verso l’altro in modo da bloccare le lastre di vetro.

In Casa

Come Scegliere il Bronzer e Come Applicarlo

 - 

Si accantonano per qualche mese i classici fondotinta in crema e si comincia a utilizzare quelli minerali oppure, per quelle che desiderano valorizzare l’abbronzatura, le terre o bronzer. I bronzer ci consentono di enfatizzare la tintarella e anche quando non si va più a mare permettono di preservare il colorito che abbiamo conquistato durante le vacanze. Questa regola è soprattutto valida per chi ha una pelle con sottotono giallo/olivastro perchè perdendo l’abbronzatura, queste persone si ritrovano un’epidermide più spenta e grigiastra rispetto a quelle che presentano un sottotono rosato.

Se usato con parsimonia e nella nuance giusta, il bronzer risulta un ottimo alleato per ridare luce e un colorito salubre al volto. Fondamentale è dunque la scelta del colore che deve essere adeguata rispetto al proprio fototipo. Sarebbe un errore clamoroso scegliere un bronzer aranciato pur avendo la pelle molto chiara e dal sottotono rosato.

Se invece avete un sottotono giallo od olivastro potete tranquillamente utilizzare un bronzer aranciato perchè valorizzerà i vostri colori mediterranei senza conferirvi un colorito troppo rosato, in contrapposizione al vostro fototipo. Ma quali sono gli strumenti per applicare al meglio i bronzer? Potete utilizzare un pennello a ventaglio per ottenere un effetto naturale; è particolarmente consigliato per l’applicazione di bronzer dal finish opaco e può essere applicato partendo dall’area dello zigomo per passare dal ponte del naso e terminare sulla zona “T”del mento e della fronte. Si seguirà la regola per cui occorre distribuire più colore nelle zone che sarebbero altrimenti più esposte al sole che batte sulle parti più sporgenti del volto, evitando di distribuire il prodotto su tutto il viso, scongiurando l’effetto mascherone che appoiattirebbe i vostri lineamenti.

Se preferite bronzer perlati, potete optare per pennelli da fard piatti, partendo sempre dagli zigomi ma stavolta effettuando movimenti rotatori per poi sfumare il prodotto su tutto il viso amalgamandolo al resto del trucco. Il bronzer può essere applicato sulla pelle nuda o sul fondotinta minerale o cremoso. In quest’ultimo caso bisogna prima tamponare con un velo di cripria per evitare un effetto pasticciato.

In Casa

Come Preparare le Castagne Sciroppate

 - 

Le castagne sono un ottimo alimento. Approfittiamone per conservarle in uno sciroppo al rum, e farne assaggio, quando verranno i tempi di non presenza di tale frutto sui banchi dei supermercati e su quelli dei fruttivendoli. In più aggiungo che è buona norma che le preparazioni conservative vadano fatte proprio nel periodo di maggiore reperibilità del prodotto fresco, anche perché la spesa, economicamente parlando, è da considerarsi più accettabile.

Occorrente
2 kg di castagne
2 kg di zucchero
2 stecche di vaniglia
2 bicchierini di rum
Sale

Sbuccia le castagne, togliendo loro il rivestimento esteriore. Per fare questo è possibile utilizzare uno strumento come questi taglia castagne. Metti sul fuoco una pentola capiente con abbondante acqua, aggiungi il sale e una stecca di vaniglia. Immergici la quantità segnalata di castagne sbucciate e lessale. Una volta portate a cottura giusta, mettile a raffreddate e successivamente, una alla volta, con pazienza certosina, elimina la pellicina che le contorna.

Stendi un canovaccio da cucina sul tavolo. Su esso distribuisci le castagne che hai privato della pellicina per farle asciugare perfettamente. Nel frattempo prepara, in una pentola, uno sciroppo composto da due kg di zucchero e un litro e mezzo di acqua. Per aromatizzare aggiungi una stecca di vaniglia e poni il tutto sul fuoco. Porta ad ebollizione e aggiungi il Rum. Aspetta che lo sciroppo si addensi.

Intanto prepara dei contenitori di vetro. Invasa le castagne e ricoprile con lo sciroppo fatto. Sigilla i contenitori e sterilizza il tutto per almeno mezz’ora. Spegni la fiamma e successivamente aspetta che l’acqua con i vasetti abbia a raffreddarsi completamente. Toglili dall’acqua e riponili in un ambiente buio e asciutto (questo è molto importante per la loro durata). Le castagne così trattate si conservano, senza alcuna difficoltà e agevolmente, per un anno.

In Casa

Come Affrontare i Problemi Economici in Famiglia

 - 

In tempi di forte crisi economica, una delle situazioni più delicate da affrontare, è quella legata ad un imprevisto disagio economico a livello famigliare. I figli che studiano, il lavoro che manca e le attività commerciali che rendono meno del dovuto, richiamano a molta sobrietà e impegno da parte di tutti in famiglia.

Se anche nella tua, come in tante altre famiglie, si prospetta un futuro finanziario difficile, reagisci per tempo, riunisci la tua famiglia attorno ad un tavolo e, inizia a discutere e a valutare la situazione. Se sei un commerciante, è possibile che il disagio, sia provocato da un calo delle vendite. Chiedi alla tua famiglia se, visto che il problema si configura come passeggero, sono d’accordo nel rinunciare ad alcuni privilegi o semplici comodità, legate allo stile di vita. Se si possiedono due auto, si può pensare di venderne una, visto che subito si inizia a risparmiare su assicurazioni e benzina.

Ai ragazzi, si può chiedere di limitare le spese legate al divertimento, senza però escluderle totalmente. Un altro punto di risparmio, attiene all’alimentazione. Fare la spesa meno spesso e, consumare tutto il cibo acquistato prima di comprarne altro. Comprare roba genuina, ma in quantità minore, rinunciando a generi alimentari come paste confezionate o, bibite gassate. Può essere difficle all’inizio ma, si può scoprire nel tempo anche che, questo sia un cambiamento molto salutare per tutti.

Programmare un piano di rientro economico da possibili mutui o prestiti bancari, in particolare da quelli troppo onerosi, cercando di recarsi negli Istituti per ricontrattare il debito. Rinunciare in parte, a colazioni al bar, panini estemporanei, acquisti d’impulso spesso inutili, utilizzando bene la propria dotazione in armadio, per quel che riguardo l’abbigliamento. Per gli uomini, i capelli è possibile curarli anche in casa, mentre per le ragazze, che necessitano di trattamenti estetici più impegnativi, basta richiedere una maggior attenzione ai costi e, se possibile, una certa capacità di autotrattamento estetico.

In Altro